SAL finito!

Che soddisfazione vedere un lavoro finito!

Mi riferisco al SAL 6 Fat Men organizzato da Stefania. Per l’ultima tappa non era prevista alcuna scadenza, ma io mi ero prefissata di finirlo per ottobre. quindi ecco qui la sesta ed ultima tappa:

bello vero? Ecco una visione d’insieme:

Questo ricamo ha già una destinazione finale, diventerà…. segreto!

Swap!

Ormai lo swap Ricette di Cucina organizzato sul forum unarcobalenodicrocette è giunto al termine, quindi posso farvi vedere le foto di quello che ho inviato e soprattutto di quello che ho ricevuto! Cominciamo:

È una deliziosa shopping bag con dei ricami carinissimi ed un libro di ricette milanesi. Devo proprio dire che la mia abbinata è stata telepatica, perché da un po’ di tempo stavo pensando che avevo proprio bisogno di una borsa di questo tipo. Grazie Elena!!!

Ecco invece quello che ho inviato a Monica, la mia abbinata:

Nella foto si vede il libro di ricette regionali e la ricetta che ho aggiunto perché è il mio dolce preferito e nel libro mancava, poi guanto e presina “Mimosa” (ricordate? Avevo già realizzato un set simile per me). Quella che si vede in basso non è una presina ma un porta strofinaccio (dietro c’è un bottone a cui agganciarlo) e uno strofinaccio con la cartina dell’Abruzzo.

Il biglietto è invece una cartolina di Pescara trasformata in biglietto. Mi sembrava adatta al tema. L’ho scelta perché la chiesa che si vede in basso a sinistra è proprio quella vicino a casa mia.

Vi lascio con la ricetta che ho aggiunto al libro: è un dolce che qui da noi si fa a Carnevale e che io adoro!!!!!

 

Cicerchiata

Ingredienti:
2 uova intere,
3 cucchiai di zucchero,
4 cucchiai di olio (più quello per friggere),
150 grammi di farina,
200 grammi di miele,
mandorle tostate e sgusciate,
zucchero a granelli,
cannella in polvere
Preparazione:

Impastare le uova, lo zucchero, l’olio e la farina. Si deve ottenere una pasta morbida. Prendere un po’ di pasta alla volta, fare dei rotellini e tagliare in pezzetti quanto la grandezza di un cece. Friggerli in olio fino a che non hanno un bel colore dorato. Cuocere il miele in una casseruola di rame, fino a che prende il colore dello zucchero d’orzo. Controllare il suo grado di cottura lasciando cadere qualche goccia in acqua fredda. E’ pronto se si solidifica subito. Disporre le palline in cerchio su di un piatto (mettere, se si vuole, le mandorle tagliate a listarelle). Poi colarvi sopra il miele.