Mettiamo Ordine!

Ultimamente ho avuto modo di mettere un po’ di ordine tra le mie foto e mi sono resa conto che ci sono un sacco di lavori che non ho mai pubblicato 😦

Quindi nei prossimi giorni cercherò di recuperare. Inizio mostrandovi i progetti per l’Associazione Sogni d’Oro, di cui faccio orgogliosamente parte da 12 anni. Sono parecchi (sono una ricamina molto attiva :-D), ormai ho perso il conto ma sono sicura che ho partecipato a più di 60 progetti.

Quindi in questo post vi mostrerò alcuni dei progetti a cui ho partecipato nel 2017 e a cui non avevo ancora dedicato un post.

Iniziamo con questo tenerissimo bimbo scoiattolo che stringe orgoglioso la sua ghianda:

E proseguiamo con questa dolcissima bambolina in abito bianco:

Alla prossima!

È tempo di buoni propositi!

Il 2020 è già iniziato da qualche giorno e, come vuole la tradizione, è tempo di buoni propositi!

Ed io ho deciso di iniziare col botto aderendo a ben due SAL annuali 😀 ignorando la montagna di progetti iniziati e non ancora portati a termine 😀

Il primo SAL a cui ho aderito è quello organizzato da Peppermint Purple, ed è sulla tecnica del blackwork, che io adoro! Ho già realizzato altri lavori con questa tecnica ma non ricordo se li ho mostrati qui. (OT: Ora che ci penso, uno dei miei UFO è proprio un progetto che mescola punto croce e blackwork, devo capire dove è finito, così magari lo riprendo).

Il progetto è annuale ed è molto intrigante e secondo le intenzioni dell’autrice ogni tappa dovrebbe impiegare solo 15 minuti di tempo a settimana.

Il secondo SAL è invece organizzato dal famoso negozio Il Telaio Povolaro in collaborazione con DMC. Sono 12 tappe mensili ed è un mistery. Inizia la settimana prossima ed io non vedo l’ora (anche se non ho ancora avuto tempo di preparare la tela, spero di riuscire a farlo nel weekend).

Tutti e due i SAL hanno un gruppo FB di supporto in cui si possono trovare tutte le informazioni e chiedere eventuali chiarimenti.

Che dite, riuscirò a fronteggiare questo SAL, a portare avanti gli altri progetti in corso e a continuare la collaborazione con l’Associazione Sogni d’Oro? Io spero proprio di sì.

Alla prossima!

 

 

 

 

La Regina dei topi

“Arrivederci! Se mai avrete ancora bisogno di noi, venite nel campo e fischiate, noi correremo in vostro aiuto”

Sono giunta alla quarta tappa! Questa volta ho ricamato la Regina dei topi, un personaggio che è presente solo nel libro. Il campo di papaveri avvelenati c’è nel film, ma Dorothy, Totò e il Leone si salvano grazie all’intervento di Glinda, che fa nevicare.

Invece nel libro l’Uomo di latta salva la Regina da un gatto e per contraccambiare la Regina manda i suoi sudditi a salvare il Leone fifone che si era addormentato nel campo di papaveri avvelenati e poi promette di accorrere in lori aiuto in caso di bisogno.

Se mi ricordo bene, la Regina dei topi insieme ai suoi sudditi tornerà più in là nel libro (sì, lo sto rileggendo per scegliere la citazione che metto all’inizio del post 🙂 ).

Alla prossima!

L’Uomo di latta ed il Leone fifone

“Ho capito che la perdita più grave è stata quella del cuore. Fino a quando sono stato innamorato ero l’uomo più felice della terra, non mi importava di quanta cattiveria e crudeltà si scatenasse contro di me, ero pronto a tutto per amore. Ma senza un cuore non si può amare e tutto appare senza senso, noioso, monotono e grigio”.

Eccoci arrivati alla terza tappa del SAL Emerald City! Questa volta ho ricamato l’Uomo di latta, il mio personaggio preferito della storia. A dire la verità, è il mio personaggio preferito perché mi ricorda qualcuno, ma è una lunga e triste storia…

Ecco il ricamo:

Più questo SAL va avanti e più mi piace! Non vedo l’ora che venga pubblicata la prossima tappa!

Glinda e lo Spaventapasseri

“Non mi scoccia avere le braccia, la pancia e le gambe piene di paglia, perché ciò ha in suoi vantaggi. Ad esempio non mi posso fare male se cado, né se mi pestano un piede o mi pungono con uno spillo… però sapere che la mia testa è piena di paglia e che lì dentro non c’è neppure un filo di cervello, beh, mi dispiace molto”.

Ecco completata la seconda tappa del SAL Emerald City! In questa tappa ho ricamato il dolcissimo spaventapasseri e la meravigliosa Glinda, la strega buona del Nord.

Vi ricordo che il SAL è organizzato da Owl of the forest

Più va avanti questo SAL e più mi piace! Non vedo l’ora che sia pronta la nuova tappa!

Alla prossima!

Il Ciclone – Ecco la prima tappa!

“Allora accadde una cosa molto strana. La casa girò su se stessa due o tre volte e pian piano si alzò in aria. A Dorothy sembrò di essere salita su un pallone. I venti del Nord e del Sud si scontrarono proprio dove si trovava la casa e fecero di questo punto il centro esatto del ciclone.”

Eccomi! ho terminato la prima tappa del SAL Emerald City!!!!! Già so che questo ricamo sarà fantastico ❤

Con pochi elementi la disegnatrice di OWL Forest ha descritto egregiamente l’inizio della storia di Dorothy. C’è tutto: il cane Totò, il ciclone, la casa di legno che cade sulla perfida strega dell’Est…

È stato veramente un piacere ricamarlo!

Alla prossima tappa!

Una cascata di yo-yo

Sì lo so, sono sparita di nuovo 😦

Ho cambiato le mie abitudini della domenica e quindi non ho più tempo per scrivere…

La notizia buona è che, per ragioni che non sto a spiegarvi, ho cambiato anche le mie abitudini relative alla pausa pranzo in ufficio, quindi finalmente sono tornata a scrivere nei giorni feriali. Quanto mi mancava!

Oggi vi mostro un lavoro segreto a cui sto partecipando. È talmente segreto che neanche io so cos’è, davvero 🙂

Alla mia amica che ha il negozio a Pescara hanno commissionato una quantità spropositata di yo-yo ed io che ho una passione altrettanto spropositata per loro mi sono offerta di aiutarla (come potevo resistere?).

Tra l’altro è un tipo di lavoro che può essere fatto anche su un autobus, quindi perfetto per me che viaggio tanto! Nella foto vi mostro alcuni degli yo-yo che ho realizzato, ma in verità finora ne ho fatti molti di più (forse il doppio di quelli che si vedono):

Nel frattempo sto faticosamente cercando di fare il punto su quali lavori ho realizzato e non pubblicato nel mio periodo di latenza. Prima o poi colmerò il vuoto, promesso 🙂

Alla prossima!